Pietro Chiesa

Milano, 1892 - Parigi, 1948

Figlio del pittore Pietro Chiesa, inizia il suo apprendistato presso il pittore e mobiliere Giovan Battista Gianotti. Nel 1921 Chiesa apre la sua bottega-negozio a Milano sotto il nome di “Bottega di Pietro Chiesa S.A.”. All’inizio crea specchi al piombo disegnati da sé o da altri architetti. Nel 1923, insieme a Tomaso Buzzi, Emilio Lancia, Michele Marelli, Gio Ponti, Paolo Venini e Carla Visconti di Modrone forma l’associazione artistica ‘Il Labirinto’ per promuovere le arti applicate dell’epoca. Nel 1925 collabora con Gustavo Pulitzer per la produzione di vetrate per i transatlantici di lusso Saturnia, Vulcania, Conte Grande e Conte di Savoia. Nel 1930 si specializza in realizzazioni di lampade con vetri opacizzati o acidati. Chiesa partecipa alla IV Triennale a Monza nel 1930, esponendo vetrate e specchi in vetro sabbiato. Nel 1932 è presente alla XVIII Biennale di Venezia. Nel 1933 diventa partner della Luigi Fontana & C., la quale ingloba anche il negozio di Pietro Chiesa. Insieme a Gio Ponti, diventa direttore artistico del dipartimento d’arte della Luigi Fontana & C., noto come Fontana Arte. Chiesa disegna un migliaio di prototipi per la produzione di serie limitate di oggetti in vetro, vetrate, specchi, mobili e illuminazione. Dal 1935 diventa direttore unico della Fontana Arte perché Gio Ponti ne diventa collaboratore occasionale. Durante la II guerra mondiale i laboratori vengono danneggiati e quindi trasferiti a causa dei bombardamenti. Nel 1945 Chiesa si ritira dalla sua attività di designer.

Rita Fancsaly - 20th 21st Century Design - Via Brera, 6 - 20121 Milano Italy - P.I. 04073060966