Angelo Mangiarotti

Milano, 1921-2012

Architetto, designer, si laurea al Politecnico di Milano nel 1948. Visiting professor ll’Institute of Design, Illinois Institute of Technology, Chicago (1953-54), conosce grandi maestri dell’architettura (Wright, Mies van der Rohe, Gropius). Nel 1955 apre un o studio a Milano con Morassuti, suo socio fino al 1960. Nel 1989 fonda a Tokyo il Mangiarotti & Associates Office.
Si occupa di architettura (es, la progettazine della chiesa di Baranzate, 1956-57), urbanistica, design e scultura. Tra i fondatori dell’ADI, ottiene il compasso d’oro alla carriera. L’attività progettuale di Mangiarotti, i cui fondamenti teorici sono stati espressi nel libro intitolato “In nome dell’architettura” e pubblicato nel 1987, tende ad evidenziare le caratteristiche intrinseche di ogni oggetto, in quanto solo una progettazione “oggettiva” è in grado di evitare prevaricazioni nei confronti della propria utenza per diventare invece riconoscibile collettivamente. Il linguaggio architettonico diventa l’espressione di un nuovo rapporto tra uomo e ambiente, mentre nell’attività di designer Mangiarotti riserva un ruolo molto importante alla ricerca plastica. Obiettivo della sua ricerca, condotta sempre nel rigoroso rispetto delle caratteristiche della materia, è la definizione della forma dell’oggetto come qualità della materia.
Viene insignito della laurea ad honorem in ingegneria dalla Technischen Universitat di Monaco (1998) e in industrial design alla facoltà del Design del Politecnico di Milano (2002). Svolge attività didattica in Italia e all’estero in varie facoltà di architettura e design (Firenze, Palermo, Milano, Losanna, Adelaide) .

Opere di Angelo Mangiarotti

Rita Fancsaly - 20th 21st Century Design - Via Brera, 6 - 20121 Milano Italy - P.I. 04073060966